La pagina si sta caricando. Un attimo di pazienza...

Atena 24 Extreme – CLASSE 4 | Tecno Sicur

Atena 24 Extreme – CLASSE 4

E’ il prodotto più tecnologico
della nostra produzione.
Vi sono installati tutti i nostri brevetti di sicurezza.

IDEALE PER ISTITUTI BANCARI
O SITUAZIONI DI ELEVATA CRITICITA’

CERTIFICATA
ANTIEFFRAZIONE
CLASSE 4

Istituto Giordano

 

 

document-pdf-textVISUALIZZA REPORT CERTIFICAZIONE ANTINTRUSIONE CLASSE 4

 

document-pdf-textVISUALIZZA REPORT INTERNO RESISTENZA AI CARICHI APPLICATI

 

 

L’intera struttura dell’inferriata è realizzata con materiale carbonitrurato. Il trattamento termochimico a cui vengono sottoposti tutti i materiali che compongono l’inferriata di sicurezza Atena 24 Extreme, garantisce una durezza superficiale sufficiente a resistere contro gli attacchi di utensili da taglio quali seghetto e trapano elettrico e scalpelli per lavorare i metalli.

La struttura portante dell’inferriata è stata rinforzata con l’aggiunta di barre piene di diametro 16 mm e doppio tubolare di protezione delle serrature. I traversi delle ante sono tutti realizzati con tubolari sezione 30×30 mm, uniti nei punti di snodo.

La gamma di prodotto “ATENA 24 Extreme” è senza dubbio il “non plus ultra” dei modelli di grate apribili con snodo, capace di abbinare robustezza, resistenza al taglio, affidabilità ed innovazione.
L’inferriata di sicurezza apribile “ATENA 24 Extrme” viene fornita a seconda delle versioni (1 anta o più ante) con tutti gli accorgimenti tecnici volti alla salvaguardia della sicurezza, ed in particolare:

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE
- La grata è interamente saldata, non ci sono viti esterne in vista.

PUNTALE ANTISTRAPPO
Questo sistema di chiusura brevettato è una vera rivoluzione nel mondo degli infissi di sicurezza, infatti è in grado di garantire resistenza ed efficacia contro qualsiasi tentativo di forzatura generato con utensili da scasso come cacciavite e piede di porco.
ATENA 24 Extreme grazie ai due puntali antistrappo posti nella parte superiore ed inferiore di ciascuna anta, garantisce una chiusura sicura in quanto impedisce la fuoriuscita dei perni di chiusura delle serrature dal telaio esterno.
I BLOCCHI DI METALLO POSTI SUL TELAIO ESTERNO DELL’INFERRIATA, TRATTENGONO EFFICACEMENTE IL PUNTALE DELLE ANTE CONTRO OGNI TENTATIVO DI SOLLEVAMENTO E FORZATURA.

CERNIERA
Cerniera brevettata con centro di rotazione dell’anta posto all’interno del telaio esterno (circa 5 cm di ingombro ad anta aperta a 90°).
- Cerniere ultra-rinforzate, la chiusura di ogni cerniera è realizzata con ben 4 punti di chiusura (2 viti torx e 2 spine antistrappo)
- Non ci ci sono cardini esterni al telaio.

SNODO
- Snodo antistrappo capace di resistere a qualsiasi tentativo di effrazione.
- Grazie all’innovativo snodo è possibile aprire l’anta anche all’interno dell’abitazione (parzialmente o totalmente) per facilitare l’apertura delle persiane.

SERRATURA
- Serratura di sicurezza a 2 punti di chiusura (con 25 mm di escursione delle aste dei puntali di chiusura superiori ed inferiori) su ciascuna anta, abbinata con il brevetto del puntale antistrappo per garantire il massimo della sicurezza.

CILINDRO
- Mezzo Cilindro a profilo europeo di altissima sicurezza rivolto all’interno dell’appartamento.

CHIAVE
- Il mezzo cilindro viene fornito con 1 chiave da cantiere (utilizzata dagli installatori) e ben 3 chiavi in alpacca sigillate che disattivano la chiave da cantiere.
- Forma ergonomica della chiave per garantire una miglior impugnatura
- Carta di proprietà numerata abbinata alle chiavi, segreta e sigillata al momento della consegna ,da utilizzare per richiedere successive copie.

PUNTALI SERRATURA
- Puntali di chiusura superiori ed inferiori in acciaio inox temprato (antitaglio) aventi diametro 14 mm.

ACCESSORI
- Sistema di compensazione dimensionale brevettato capace di non deformare il telaio.

INSTALLAZIONE
- Per poter essere installata richiede solo 3,5 cm di spazio utile tra serramento e persiana.
- L’installazione non prevede nessun tipo di opera muraria.

MATERIALI STRUTTURA
- La Struttura portante dei montanti verticali del telaio è realizzata in tubolare d’acciaio zincato 50 x 30 x 2 mm, i traversi orizzontali del telaio sono realizzati con tubolare 40 x 30 x 2 mm,
Le battute centrali delle ante sono realizzate con un doppio tubolare (50x30x2 mm esternamente con un tubolare di rinforzo interno di sezione 45 x 25 x 2 mm.
Tutti i traversi delle ante sono realizzati con tubolare sezione 30x30x2 mm, uniti in corrispondenza degli snodi. Le barre verticali sono realizzate con dei tondi pieni di sezione 16 mm.

ZINCATURA
- Tutti i materiali dell’inferriata sono zincati.

VERNICIATURA
- L’inferriata di sicurezza è verniciata a polveri poliestere per esterno essiccate a forno a 180/200°. Il ciclo di produzione della verniciatura è realizzato su un impianto industriale caratterizzato da un modulo di preparazione superficiale, asciugatura intermedia, verniciatura in cabina e cottura a forno finale.
- I nostri materiali Vi garantiranno una maggiore durata nel tempo eliminando fastidiose spese di manutenzione.

CARBONITRURAZIONE
La carbonitrurazione consiste in un trattamento termochimico di diffusione superficiale di carbonio e azoto da atmosfera gassosa seguito da un trattamento di tempra diretta e distensione.

Così facendo si ottiene uno strato superficiale ad alta temprabilità a cui fa seguito un trattamento di tempra diretta che permette di mantenere un cuore resistente e tenace.

Gli strati carbonitrurati si compongono in genere di due parti. La parte interna, ovvero lo strato di diffusione, è caratterizzata dalla formazione di cristalli aghiformi di nitruro nella porzione superficiale dell’elemento strutturale. La rimanente porzione di questo strato presenta uno spessore compreso tra 0,2 e 1,5 mm. La parte esterna, dallo spessore compreso tra circa 5 e 30 µm, viene chiamata strato di collegamento. Questo strato non metallico è composto da nitruri di ferro, carbonitruri o da nitruri e carbonitruri di eventuali elementi della lega. La porzione più esterna dello strato di collegamento può formare un bordo poroso che, attraverso l’ossidazione successiva, contribuisce a migliorare le caratteristiche di protezione contro la corrosione.

La carbonitrurazione è eseguita allo scopo di:
aumentare la resistenza all’usura
aumentare la durezza superficiale
aumentare la resistenza a fatica
migliorare le caratteristiche di resistenza superficiale anche di acciai a bassa temprabilita’
ridurre le temperature di tempra e le deformazioni

Generalmente il trattamento finale induce tensioni residue superficiali di compressione, benefiche in termini di incremento della resistenza a fatica. La carbonitrurazione è condotta a temperature e per tempi di trattamento inferiori a quelli utilizzati in carbocementazione, di conseguenza le deformazioni sono più contenute. Di contro anche gli spessori di indurimento ottenibili sono inferiori rispetto alla carbocementazione.

La versatilità del trattamento di carbonitrurazione ne consentono l’impiego in parecchi settori industriali.